Commemorazione di Vaccherezza 2018

Commemorazione di Vaccherezza 2018 SABATO 25 AGOSTO 2018 BORGATA PRATO DEL RIO  pomeriggio dedicato alla passeggiata sui SENTIERI DELLA MEMORIA sera cena condivisa e proiezione del documentario “Sulle tracce dell’immigrazione italiana: storie francesi” DOMENICA 26 AGOSTO 2018 CONCA DI VACCHEREZZA mattino COMMEMORAZIONE e orazione ufficiale pranzo al sacco o polenta,…

Continua a leggere

COMITATO DI COORDINAMENTO TORINESE_Comunicato stampa

Assistiamo con sgomento e forte preoccupazione al moltiplicarsi di aggressioni a cittadini considerati “diversi” o per il colore della pelle o per attitudini sessuali. Non si può ignorare che lo slogan “la pacchia è finita” lanciato dal Ministro dell’Interno alimenta odi e intolleranze che non hanno altro nome che razzismo.…

Continua a leggere

Commemorazione a Perrero il 28 agosto 2018

Commemorazione a Perrero il 28 agosto 2018 Ore 10:30 deposizione targa in memoria dei partigiani: Raimondo Melis e Carlo Mainero appartenenti alla V Divisione Alpina “Sergio Toja” caduti il 28 agosto 1944. Catturati e fucilati dai nazi-fascisti in seguito a delazione.

Continua a leggere

Decesso del compagno Partigiano “Lidio”, Elidio Pelissero

La Sezione ANPI Chiomonte – Alta Valle Susa “Maria Teresa Gorlier e Attilia Ronsil” Saluta con grande affetto e riconoscenza Elidio Pelissero il Partigiano “Lidio” delle formazioni Autonome Val Chisone, Presidente onorario della Sezione ANPI Chiomonte – Alta Valle Susa, mancato all’affetto di amici e compagni il 30 luglio 2018.…

Continua a leggere

Ivrea, ricordo di Ferruccio Nazionale

Cari amici, ieri, 29 luglio, è stata una bella giornata per noi dell’Anpi. Al mattino, nello stupendo panorama delle montagne biellesi, alla Cascina Lunga di Bocchetto Sessera, più di 150 persone si sono ritrovate a fare memoria di quando, 74 anni fa, venne costituita la 2° Brigata d’Assalto Garibaldi. Nell’orazione…

Continua a leggere

La Presidente dell’ANPI: “Gravissimo e inaccettabile che un Ministro della Repubblica faccia suo lo stile propagandistico di Mussolini”

“È gravissimo e inaccettabile che un Ministro della Repubblica italiana, nata dalla Resistenza, faccia suo lo stile propagandistico di Mussolini, un criminale, guerrafondaio, massacratore della libertà e dei più deboli. Il sentiero su cui Matteo Salvini ha avviato il suo “operato” si scontra sempre di più col dettato di democrazia…

Continua a leggere