Commemorazione eccidio di Pilone Virle

LOCANDINA pilone virle 2016x400La Sezione A.N.P.I. di Carignano “Caduti di Pilone Virle” invita a partecipare alla Commemorazione Eccidio nazifascista di Pilone Virle.
Il ritrovo è previsto per le ore 21:00 del 7 settembre 2016 in piazza S. Giovanni a Carignano da dove partirà la Fiaccolata accompagnata dalla Banda di Vinovo con arrivo al Pilone Virle dove interverrà Maria Grazia SESTERO Presidente dell’A.N.P.I. Provinciale di Torino, a seguire esibizione della Corale Carignanese con canti Partigiani.

Gli eventi

Il 7 settembre 1944 a Carignano otto uomini vengono impiccati per vendicare un soldato tedesco ucciso da un partigiano tre giorni prima, all’Osteria del Pilone Virle. Il giorno dell’attentato, il comando tedesco preleva immediatamente dieci ostaggi fra la popolazione civile e li porta alle carceri Nuove di Torino.

Il 5 settembre la X Mas viene inviata in rastrellamento a Carignano per mantenere alta la tensione: molte case sono saccheggiate e un anziano contadino viene ucciso da un sergente italiano ai piedi della sorella.

Il 6 settembre dopo due giorni di trattative, il Comando tedesco si impegna dietro una corresponsione di denaro a non uccidere gli ostaggi prelevati a Carignano, ma a sostituirli con otto partigiani già segnati nelle liste di rappresaglia. Questi vengono prelevati dal Carcere delle Nuove e portati su un autocarro in piazza Albertina, davanti alla Chiesa di Sant’Agostino. È giorno di mercato: i banchi sono fatti sgomberare e i corpi issati sulle forche uno dopo l’altro e poi lasciati appesi sino alle otto della sera.

Non ebbero la possibilità di scrivere un messaggio d’addio e neanche di ricevere i conforti religiosi. L’esposizione dei loro corpi fino a sera, come monito alla popolazione e macabro rituale di esibizione della violenza. Della tragica fine degli otto giustiziati alla forca di Carignano rimane la relazione stilata dal dottor Pier Luigi Vigada, ufficiale sanitario del Comune del torinese, costretto a presenziare alle otto impiccagioni effettuate il 7 settembre 1944 dai nazisti in località Pilone Virle.

Le otto vittime

Leonardo Cocito (nato il 9 novembre 1914 a Genova, partigiano del Comando XIIa Divisione Bra), Marco Lamberti (nato il 13 febbraio 1915 a Bra, partigiano del Comando Formazione Mauri), Giorgio Porello (nato il 31 marzo 1920 a Cherasco, partigiano della XIIa Divisione Bra Autonomi), Antonio Cossu (partigiano), Liberale De Zardo (nato il 2 novembre 1893 a Catania, partigiano della Brigata Matteotti), Guido Portigliatti (nato il 28 gennaio 1925 ad Avigliana, partigiano della XLIa Brigata Garibaldi Carli), Pietro Mancuso (nato il 16 luglio 1920 a Palermo, partigiano della Xa Divisione G.L.) e Giorgio Brugo (partigiano).

Commenti chiusi