Proiezione film “Il Patto della Montagna”

 

 

Il Comitato Provinciale A.N.P.I. di Torino invita la Cittadinanza alla proiezione del film documentario “Il Patto della Montagna” che si terrà a Torino il 2 maggio 2018 alle ore 20,30 presso il Cinema Massimo in via Verdi 18.
Saranno presenti i registi e la produzione.

Il Patto della Montagna è il primo atto in Europa con cui si stabilisce la parità salariale tra uomo e donna. Avviene nel 1944, durante la seconda guerra mondiale, a Biella, il più antico distretto tessile italiano, quando imprenditori, operai e partigiani si riunirono segretamente per firmare un accordo che di fatto anticipò di molto conquiste che divennero legge a fine anni ’60. Dalle passerelle dell’alta moda di Milano un giovane stilista va a Biella per capire il perché dell’eccezionale qualità dei tessuti che usa nelle sue collezioni. Incontra i luoghi, i prodotti e i protagonisti, come Nino Cerruti e Argante. Il primo è lo stilista e imprenditore famoso nel mondo, figlio di chi firmò allora il Patto; il secondo è il comandante partigiano testimone di ciò che avvenne. I tessuti più fini al mondo sono ancora prodotti a Biella. Tutti gli stilisti internazionali comprano tessuti a Biella, dove sono nati marchi come Cerruti, Ermenegildo Zegna, Loro Piana, Barbera e molti altri. Il senso del film è che la qualità dei prodotti è radicata nella qualità immateriale delle relazioni tra le persone, qualcosa che non si può delocalizzare facilmente. Una metafora per l’oggi che, in ben altra crisi, deve ritrovare il senso del futuro e del patto sociale.

Protagonisti: Nino Cerruti (stilista internazionale e imprenditore), Argante Bocchio (comandante partigiano), Christian Pellizzari (giovane stilista), Sara Conforti (attivista moda sostenibile)

 

Altre proiezioni: Candelo (BI) 4 proiezione il 23 aprile; Firenze, Cinema La Compagnia, 25, 26 e 27 aprile

Film documentario (72’)
Registi: Manuele Cecconello and Maurizio Pellegrini
Produzione: Jean Vigo Italia srl (Roma) e VideoAstolfoSullaLuna srl (Biella)
– Opera di interesse culturale, cofinanziata da MIBACT – Ministero Beni e Attività Culturali e Turismo, Direzione Generale per il Cinema, Film Commission Torino Piemonte
– Con il patrocinio di: Sensi Contemporanei (Agenzia per la Coesione territoriale) e di:
A.N.P.I. (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia – a livello nazionale, regionale, provinciale), Città di Biella, Unione Industriale Biellese, ISRSC BI-VC – Istituto per la Storia della Resistenza e della Società Contemporanea nel Biellese, Vercellese e Valsesia, ISTORETO – Istituto per la Storia della Resistenza e della Società Contemporanea Torino, DocBi – Centro Studi Biellesi, UILTEC Biella Vercelli, Fondazione Famiglia Caraccio, Uncem.

Logline
Un vecchio partigiano ritorna sui luoghi che lo videro protagonista nella lotta per la parità di salario tra uomini e donne. Un giovane stilista gli rende omaggio con la sua arte.

Sinossi
Un anziano entra con passo incerto in una fabbrica abbandonata. Il suo nome è Argante; nel 1944, durante la Seconda Guerra Mondiale, era un giovane partigiano e in quella fabbrica tessile innescò la lotta che portò poi alla firma del Patto della Montagna, il primo accordo in Europa e nel mondo che afferma la parità salariale tra uomo e donna. Christian è un giovane stilista che viene dalle passarelle dell’alta moda milanese, scopre la storia del Patto e incontra Nino Cerruti, stilista internazionale e figlio del firmatario del Patto. Insieme creano un dono su misura per Argante, omaggio all’uomo e all’eredità ricevuta da quello straordinario evento.

Contatti: Francesca Conti, cell. 348 9007976 info@ilpattodellamontagna.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *