COMUNICATO STAMPA

L’ANPI Provinciale di Torino apprende con soddisfazione che la Procura di Torino ha sottoposto ad indagine per apologia di fascismo l’editore di Altaforte ospite del Salone del Libro di Torino.
La denuncia presentata dalla Città di Torino e dal Presidente della Regione Piemonte Chiamparino fa giustizia delle ambiguità su cui si era avvitata la discussione. Il fascismo e la sua apologia non stanno all’interno della democrazia. Se il fascismo è un crimine, non un’opinione, come disse Giacomo Mattetotti, non può essere accettato dalla comunità democratica e dalle Istituzioni.
L’ANPI , con la sua denuncia della presenza dell’editrice fascista al Salone del Libro, ha richiamato doverosamente la necessità della memoria e dei suoi valori antifascisti.
  Per la Presidenza ANPI Provinciale di Torino
Maria Grazia Sestero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *