La Sezione ANPI di Ivrea invita a

STRAMBINO Martedì 18 Aprile2017

UNA STORIA AFFOSSATA

L’epopea dei “600.000 NO” che fecero la Resistenza e Non ti scordar di me (una storia a fumetti)

Cari amici, mentre alcuni di voi saranno presenti alla serata dedicata a Carlo Pestelli e al suo libro “Bella ciao” presso la Sede Anpi di Ivrea, vi segnaliamo qui di seguito un altro evento di grande importanza storica ed emotiva, che è giunto alla sua seconda edizione, e che vale la pena seguire con attenzione e piacere, tanto più che esso si presenta aggiornato ed arricchito con altri momenti degni di attenzione.

Martedì 18 aprile Salone Consigliare di Strambino, ore 21 con il Patrocinio di Comune ed Anpi

la “Ca Granda” presenta:

“Una Storia affossata”

ricordi, testimonianze e documenti di cittadini strambinesi internati nei campi di lavoro tedeschi nel 1943-’45.

Si tratta dei militari che, nello sbando dell’Esercito dopo l’Armistizio dell’8 settembre ’43, vennero catturati e disarmati dai tedeschi, ed inviati nei lager senza lo “status” di prigionieri, obbligati al lavoro forzato e sottratti alla possibilità di controllo della Croce Rossa Internazionale e alla tutela della Convenzione di Ginevra. Durante l’internamento essi vennero incessantemente invitati, in cambio della loro liberazione, ad arruolarsi nelle forze armate tedesche e soprattutto nelle forze armate della Repubblica Sociale Italiana. La stragrande maggioranza degli internati si rifiutò, opponendosi a qualsiasi collaborazione e rassegnandosi alla prigionia nei lager, in tragiche condizioni di vita. E’ la Resistenza che verrà definita “dei 600.000 No” (tanti furono coloro che rifiutarono)

Dai volti emersi da un vecchio collage di foto, le ansie, le speranze, i dolori di cittadini strambinesi, le cui vicende sono quelle di tanti italiani che subirono l’internamento, ma che seppero mantenere la dignità di uomini.

L’anno scorso vennero raccontate le vicissitudini di alcuni di loro e quest’anno si proseguirà con le storie di altri, accompagnate da immagini e musica, che ci restituiranno le atmosfere e le suggestioni di un periodo lontano, e tuttavia a noi vicino per idealità e memoria: furono i nostri Padri, i nostri nonni…

Seguirà la presentazione del libro a fumetti “Non ti scordar di me”, dedicato dall’Autore Corrado Bianchetti al Partigiano Aldo Porta.

Canti della Resistenza eseguiti da “I mangiastorie”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *