Comunicato
 
Apprendiamo con grande dispiacere che domenica 10 settembre, in occasione della serata di chiusura della 68a Fiera Nazionale del Peperone, il concerto del gruppo CoroMoro, previsto per le 21.00 in Piazza Sant’Agostino, è stato annullato.
 
L’Amministrazione Comunale ha chiesto di rimuovere dalla scaletta il brano “Bella Ciao”: in seguito al rifiuto del gruppo, il concerto è stato cancellato.
 
Ci chiediamo come mai ancora oggi cantare “Bella Ciao” possa essere censurato; come mai questo canto, che è patrimonio comune di TUTTI gli italiani, crei imbarazzo; ci chiediamo come mai nessuno abbia avvisato dell’annullamento di questo concerto.
 
Da tutto questo purtroppo dobbiamo constatare che alcuni valori che stanno alla base della nostra società e della nostra Costituzione spaventano ancora qualcuno. 
 
Ribadiamo con forza ancora una volta che esiste una Carmagnola diversa, antifascista, da sempre impegnata per la promozione e la valorizzazione della democrazia, della solidarietà, della pace, della legalità e della libertà di espressione.
 
Siamo vicini ai ragazzi del CoroMoro. 
E per questo chiediamo all’Amministrazione Comunale che ci vengano date spiegazioni a riguardo. Perché anche noi facciamo parte di questa città. #CoroMoro
 
ANPI – Sez. Carmagnola
ANPI Comitato Regione Piemonte 
Il Karma di Ulysses – presidio di Libera Carmagnola
Circolo Margot
Karmadonne APS
Comitato Arci di Torino
CGIL – Camera del Lavoro metropolitana di Torino
 
L’A.N.P.I. Provinciale di Torino condivide lo sdegno per quanto accaduto; “Bella Ciao” è il canto della nostra democrazia.
Le Istituzioni locali nascono da una Carta; la Costituzione italiana che è la Carta dell’Italia antifascista nata dalla Resistenza.
La scelta dell’Amministrazione comunale di Carmagnola di vietare “Bella Ciao”, rafforza la necessità che sentiamo di battersi contro il rigurgito di fascismi e l’indifferenza che li accompagna troppo spesso.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *